Non si scherza coi social!

In rete le notizie circolano ad una velocità estremamente superiore rispetto a quanto non avveniva prima dell’avvento di internet e del web 2.0.
Questo principalmente avviene per 2 motivi:
– tutti gli utenti possono produrre materiali, scrivere, pubblicare foto, video…insomma la QUANTITA’ di informazioni è elevatissima, come del resto elevatissima è la VELOCITA’ con cui queste informazioni sono pubblicate, circolano e vengono rimosse.
– c’è una maggior alfabetizzazione informatica, e oramai, il fatto che ci sia un tasso di penetrazione alla rete elevato rende possibile una consultazione costante delle informazioni nella rete, un loro refresh costante, tanto che i social network sono diventati il principale strumento di informazione della generazione Y ( e non solo!).

Esiste anche un rovescio della medaglia, ed è quello della difficoltà di muoversi all’interno di questo maremagnum di informazioni, che rende estremamente complicato capire quali notizie sono vere, provengono da fonte attendibile, e quali invece sono delle vere e proprie bufale.
In un contesto così confuso, anche veri esperti di comunicazione possono cadere in dei tranelli tesi dal web. Ed è questo il caso dello staff che si occupa di gestire gli accaunt social di Letizia Moratti. Un utente anonimo registrato come Orghl ha indirizzato (24-05-2011) un suo tweet al sindaco. “Il quartiere Sucate dice no alla moschea abusiva in via Giandomenico Puppa! Sindaco rispondi!!”. Quartiere ovvimente inesistente. Dal profilo twitter del sindaco poco dopo e’ parito un tweet indirizzato a Orghl:

“Nessuna tolleranza per le moschee abusive. I luoghi di culto si potranno realizzare secondo le regole previste dal nuovo Pgt”.

E così online, su Twitter in primis ma anche su Facebook, si sono scatenati gli utenti pro Pisapia con battute e prese in giro per la solerte ma sbagliata risposta:
-“Vendesi appartamento terzo piano vista Sucate causa schiamazzi notturni provocati dal Pisapia”.
– “Rassegna cinematografica di Sucate: il film vincitore, anziché con la Palma d’Oro, verrà premiato con la foglia di fico”

E poi, via con la satira con previsioni del tempo mirate, proposte per un salone del mobile locale, eventi e sagre nel quartiere di Sucate. Per non parlare delle foto sul social network, con tanto di cartelli che indicano come raggiungere il luogo.

“Ci sono novità in merito al gemellaggio con Pompei?” c’è scritto in bacheca, oppure, “Spostiamo il Gran Premio di Formula 1 a Sucate”, “Ich bin ein Sucaner”e c’è anche chi, riassume lo status di tutti: “Non ho mai riso tanto in vita mia”.

Ed è stato fatto anche un video, che ricalca il vecchio “intervallo rai”, con più di 50.000 visualizzazioni su youtube:

Ma questo è solo uno degli ultimi esempi di come la rete possa giocare dei tiri mancini.

Sono moltissimi gli esempi celebri, ad esempio, di vere e proprie bufale che in pochissimo tempo si sono diffuse creando veri e propri allarmismi, come i casi di notizie di morti celebri inventate, come quella di Charlie Sheen, Aretha Franklin,Lindsay Lohan, Satoshi Tajiri… un giro di mail, un tweet, uno stato di facebook, i canali giusti per diffondere e il gioco è fatto.

Anche il buon Fabio Capello è stato vittima di uno scherzo. Qualche tweet inviato dai soliti beninformati e la rete aveva già emesso il suo verdetto: Fabio Capello esonerato dal ruolo di ct dell’Inghilterra. È successo nella sera di giovedì 13 maggio, quando sul social network si sono rincorse numerosi voci che anticipavano una imminente uscita di scena del tecnico italiano. E già si dava per certo il nome del suo successore, il manager del Tottenham Harry Redknapp.
Ma il gossip degli internauti è durato giusto lo spazio di qualche ora, fino a quando non è arrivata la smentita della Federcalcio inglese: «Non c’è nulla di vero. Fabio non ha intenzione di dimettersi nè noi vogliamo esonerarlo».
Un’altra bufala recente, rimbalzata in continuazione su Twitter e Facebook e smentita dai diretti interessati, è quella che riguarda diverse compagnie aeree che offrivano voli gratuiti a medici e infermieri diretti ad Haiti. Ma all’improvviso la bella favola è stata spezzata dalle parole di un portavoce della American Airlines: “Non è vero, sono notizie false. Solo una bufala la voce secondo cui la American e la Jetblue offrirebbero voli gratuiti a personale medico. Noi non sappiamo chi sia il responsabile, ma è uno scherzo di cattivo gusto”, scrive Tim Smith in una e-mail inviata alla Cnn.
Un’altra bufala circolata su Twitter sarebbe quella che la compagnia di spedizione Ups avrebbe consegnato qualsiasi pacco al di sotto della 50 libbre destinato a Haiti. Puntualmente sul sito web di Ups, è arrivata la smentita a opera di una portavoce precisando che l’azienda ha versato un milione di dollari per aiutare le vittime del terremoto.

“All upcoming Guns N’ Roses dates are officially cancelled. Please contact your place of purchase for any refunds”. Tutte le prossime date dei Guns N’ Roses sono ufficialmente cancellate. Per favore contattare il luogo dell’acquisto per il rimborso. Questo il tweet incriminato, ancora leggibile sul profilo del cantante Axl Rose. Tutta una bufala, o meglio lo scherzo di un ingegnoso hacker. Questa la voce che era circolata nel web, scatenando non poche proteste tra i fan.

Ma sono moltissimi gli scherzi organizzati direttamente dalle aziende:

Ad esempio Google che fingeva il lancio di un nuovo prodotto per controllare Gmail con il proprio corpo grazie ad una webcam e a sofisticati algoritmi.

Anche l’ANSA si è divertita in passato, riportando una volta una strana notizia, secondo cui la Panini starebbe realizzando un album di figurine dei parlamentari, con le magliette interscambiabili in caso di cambio di partito.


Per continuare si dovrebbe citare Expedia (che annunciava un viaggio su marte al costo di 3 miliardi, ma con uno sconto “galattico” costa solo 99$ arrivare al pianeta rosso, diverse partenze e navi), ThePirateBay (che di diceva essere stata acquisita dalla Warner Bross), Google Chrome (che dichiarava di introdurre la navigazione con gli occhiali 3d per una vera e propria esperienza coinvolgente)…

Insomma…quando si parla di web, occhi aperti!

Annunci

Informazioni su Marco Vangelisti

Blogger, amante-studioso-esperto di marketing, comunicazione e social; creativo, motivato, ambizioso, ostinato e lunatico. Vedo il bicchiere mezzo pieno.

Nessun commento ancora... lascia il tuo commento per primo!

Lascia un commento, ampliamo assieme gli orizzonti di questa discussione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: