L’estate della consacrazione SMM

Eccoci ancora qua, ancora concentrati sul campo social media.

E’ stata l’estate del pulcino Pio e questo la dice lunga su come, in 3 mesi estivi, sia cambiato poco o niente delle dinamiche che sottendono le logiche socialmediali con cui ci confrontiamo. Molti sono stati però gli accorgimenti introdotti e molti sono i trend sui quali vale la pena riflettere.

Sulla ragione della viralità del PULCINO PIO non occorre soffermarsi, in quanto è virale per lo stesso motivo che ha fatto la fortuna di tanti altri video uplodati su Youtube prima del maledetto uccello. Se permettete, molto meglio questo (scusate la volgarità, ma fa parte del modo di lavorare del Nido del Cuculo):

E’ stata un’estate di cambiamenti per Facebook, ai quali ha risposto Google+. Anche Linkedin diventa più social. Nulla di significativamente rivoluzionario però…

E allora? Beh, vorrei toccare 3 punti chiave, di rilievo, che emergono con lucidità:

  • SMARTPHONE: la vendita di smartphone ha superato la vendita dei mobilephone, da tempo. Utenti connessi sempre in mobilità, accesso a applicazioni e web. Una rivoluzione iniziata da tempo ma che sta raccogliendo i primi consensi e le prime prese d’atto solo da poco, con alcuni precursori che hanno fatto strada e molti pecoroni che, a partire da adesso, sembrano aver aperto gli occhi e stanno finalemente iniziando a investire su un settore in crescita sostanziale e che spalanca le porte a nuove forme di marketing (geolocalizzato, turistico, social…).
  • BRAND COMMUNITY: si inizia a comprendere l’importanza della comunità costruita attorno ad un brand. Sentimenti, amore per la marca, fedeltà, fidelizzazione… i veri elementi differenziali. Parole trite e ritrite ma che sembrano solo adesso, per molte aziende, trovare una ragione d’essere. E noi che lo dicevamo da anni?!
  • PINTEREST: diventato la quarta fonte di traffico, partito come fenomeno bomba per i suoi elevati tassi di crescita, non si è limitato a restare una meteora, ma si sta consacrando. Le possibilità di engagement, conversione e viralizzazione che offre sono superiori a qualsiasi altro social. E molte aziende se ne stanno accorgendo.

Per il resto, visto che non si è ancora trovata la formula magica ottimale in grado di calcolare il reale ROI delle spese in social media marketing, ci si barcamena ancora a provare a spiegare l’importanza dell’uso sensato, pianificato, programmato, strategico di azioni e investimenti in SMM, consci del fatto che dove non è riuscita la teoria a spiegare la sua concreta importanza, ci hanno pensato numeri, statistiche, dati mercato, fatturati. Il tempo ci ha dato ragione. Con o senza Pulcino Pio.

Annunci

Informazioni su Marco Vangelisti

Blogger, amante-studioso-esperto di marketing, comunicazione e social; creativo, motivato, ambizioso, ostinato e lunatico. Vedo il bicchiere mezzo pieno.

Nessun commento ancora... lascia il tuo commento per primo!

Lascia un commento, ampliamo assieme gli orizzonti di questa discussione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: