Oceano blu e fine del mondo

21 dicembre 2012, ovvero fine del mondo (almeno secondo il calendario dei Maya). E nel Nevada e in Texas sono stati costruiti migliaia di bunker per mettersi al sicuro. Ma questo non fa notizia… sono americani! E i corsi di sopravvivenza organizzati sui Monti Sibillini tra le Marche e l’Umbria? Un caso sporadico. E il successo del libro “2012 La fine del mondo”? Un libro rimane un libro. Ah si eh… e tutto il merchandising sulla fine del mondo? Pianeti in rotta di collisione, calendari maya e scritte ammiccanti appaiono su magliette, tazze, cuscini, cappellini, grembiuli, spille, ciotole per cani e sono in vendita on line, basta cercare. Sembra proprio che la fine del mondo sia un business! C’era da aspettarselo…

Poi mi trovo davanti il seguente filmato

Il solito Mutombo, ho pensato sul momento. Poi mi sono imbattuto in questo:

Un video, correlato da un’ottima strategia social, programmata, strutturata e pianificata al dettaglio.

Allora mi sono convinto. Qui non parliamo di mero business, ma di un oceano blu che si è spalancato a chi ha avuto il coraggio di tuffarcisi dentro. Indipendentemente dal fatto che ci crediate o no al calendario Maya e alle loro catastrofiche profezie.

In primo luogo va subito specificata l’ovvia notizia che coloro i quali si adoperano per queste attività non credono assolutamente al realizzarsi di uno scenario tanto apocalittico, altrimenti perchè spendere soldi, tempo e risorse? Non certo per portarseli nella tomba.

In secondo luogo emerge subito che questa profezia ha portato alla luce un universo di persone realmente suscettibili e interessate al tema. E quando c’è interesse (paura in questo caso) si sa, chi può cerca di farci soldi. E il bello è che li stanno facendo. Si perchè chi per primo ha cavalcato l’onda della fine del mondo, ha fatto emergere un vero e proprio mercato in crescita, lontano dall’oceano rosso della competizione spietata e dei bassi profitti: un oceano blu, piatto, calmo, senza concorrenza. Un vero e proprio mercato incontrastato, ipocompetitivo, nel quale la crescita è garantita, perchè si riesce, mediante la pianificazione strategica e una lettura accurata del contesto, a far emergere una domanda latente, alla quale nessuno aveva ancora dato risposta, guidati dall’innovazione, dalla sperimentazione, dal rischio, rintracciando i non-clienti, generando spazi di mercato incontaminati e dettando le regole di un nuovo scenario, che se sapientemente pilotato, frutta molti soldini.

Questo è un po’ la missione (e il sogno) di ogni manager che si rispetti e con un briciolo di ambizioni per la propria compagnia: riuscire a individuare quei bisogni latenti del mercato, quegli spicchi di richiesta nascosta non ancora emersa a cui ancora non è stata proposta un’offerta. Se ci pensate bene ogni esempio di grande azienda di successo nasce perchè individua uno di questi oceani blu. Un esempio attuale? Linkedin e  il bisogno crescente di costruire reti professionali con scopo di job recruitment.

Annunci

Informazioni su Marco Vangelisti

Blogger, amante-studioso-esperto di marketing, comunicazione e social; creativo, motivato, ambizioso, ostinato e lunatico. Vedo il bicchiere mezzo pieno.

5 Risposte a “Oceano blu e fine del mondo”

  1. Woah! I’m really enjoying the template/theme of this blog.
    It’s simple, yet effective. A lot of times it’s very hard to
    get that “perfect balance” between user friendliness and visual appearance.
    I must say that you’ve done a very good job with this.

    Also, the blog loads super fast for me on Firefox. Outstanding Blog!

  2. wonderful put up, very informative. I’m wondering why the other
    specialists off this sector do not realize this.

    You must proceed your writing. I’m confident,you’ve a great readers’ bbase already!

  3. I am regular reader, how are you everybody? This article posted at this website
    is genuinely nice.

  4. Spot on with this write-up, I actually believe this website needs a great deal
    more attention. I’ll probably be back again to read through more, thanks
    for the info!

Lascia un commento, ampliamo assieme gli orizzonti di questa discussione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: