Dark social, dark lead, dark lady

Seduttrice, manipolatrice, pericolosa, spregiudicata, sensuale, infedele e dannatrice. Il ritratto della dark lady  è ben tracciato da Shakespeare nelle sue opere: da Cleopatra a Lady Macbeth, da Morticia Addams a Crudelia De Mon, tutte donne categorizzate come tali e tutte che hanno in comune il desiderio che suscitano. Lead generation, se vogliamo. In termini commerciali, infatti, il “lead” è un (ancora) potenziale cliente che ha mostrato uno spiccato interesse verso il nostro prodotto o servizio e è deciso a saperne di più. Questo salto vi sembra un passo più lungo della gamba? Beh allora state a vedere questo passo ulteriore: esiste un mondo di “dark lead” inimmaginabile. Dark lead, naturalmente, dall’ottica delle aziende, che vogliono e devono per loro natura conoscere tutto e invece si trovano a doversi confrontare con un universo sommerso di traffico di informazioni e scambio di consigli e suggerimenti così vasto da lasciar senza parole. Ed ecco allora che arriviamo al dark social.

Il web è lo strumento più misurabile di sempre: vero. Si misura dunque tutto? Assolutamente no. Anzi, viene misurato solo una piccola parte. Prendiamo questo esempio, per cercare di dare senso a tutti questi concetti confusi che ho messo sul piatto.

dark social

L’immagine è presa da The Atlantic, da un post il cui titolo la dice lunga sul cambio di paradigma che deve essere effettuato: “Dark Social: We have the Whole History of the Web Wrong“. Il 56,5% del traffico che arriva ai siti dipende dal Dark Social, cioè l’insieme di attività che mettiamo in essere mediante il passa-parola a voce, le email, le chat private e i siti non riconducibili a quelli che oggi consideriamo i Social Network standard. E dallo stesso sito si leggono 3 punti chiave:

  1. La condivisione che si registra su siti come Facebook e Twitter è la punta di un iceberg ‘sociale’. Siamo impressionati dalla sua scala, perché, semplicemente, è facile da misurare.
  2. Ma la maggior parte delle condivisioni avviene tramite il dark social, mezzi come l’e-mail e la messaggistica istantanea, che sono difficili (se non impossibili) da misurare.
  3. Il 69% dei social referral viene dal dark social. Il 20% invece da Facebook (twitter 6%).

La rivincita dei rapporti personali, della normalità. La sconfitta dell’automazione. La vittoria dei contenuti interessanti (content is the king). Gli influencer e gli opinion leader che tornano sul gradino più alto. Tutti attorno all’attrazione e al desiderio che generano i contenuti che affascinano. Tutti raccolti vicino alla lead generation che generano storie che attraggono. Proprio come accade per la dark lady, seduttrice, manipolatrice, pericolosa, spregiudicata, sensuale, infedele e dannatrice.

dark lady

Annunci

Informazioni su Marco Vangelisti

Blogger, amante-studioso-esperto di marketing, comunicazione e social; creativo, motivato, ambizioso, ostinato e lunatico. Vedo il bicchiere mezzo pieno.

3 Risposte a “Dark social, dark lead, dark lady”

  1. Ottimo articolo, ne faro’ un punto di riferimento, chissa’ che quanto letto non possa aiutare anche me.

  2. Hi there! This article couldn’t be written any better! Looking through
    this article reminds me of my previous roommate! He constantly kept talking about this.
    I am going to send this post to him. Pretty sure he’s going to have a good read.
    Many thanks for sharing!

  3. Excellent post. I definitely love this website. Keep it up!

Lascia un commento, ampliamo assieme gli orizzonti di questa discussione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: